Mosca

Cremlino

CremlinoIl Cremlino costituisce l'insieme architettonico centrale della città ed è frutto dell’impegno di numerose generazioni, una cittadella fortificata posta nel centro geografico e storico della città di Mosca, sulla riva sinistra del fiume Moscova, sulla collina Borovickij.  Cremlino significa fortezza, cittadella o castello e fa riferimento agli edifici presenti all'interno di quelle città russe più antiche, sopratutto di origine medievale.  Questa parola è solitamente usata per indicare il più conosciuto, il Cremlino di Mosca o, per indicare il governo dello Russo. In questo caso parleremo del Cremlino di Mosca in senso storico architettonico.

Già alla fine del XIV secolo il Cremlino non riusciva più a contenere le nuove costruzioni e il principe Ivan III diede luogo a una profonda ristrutturazione, dando l’incarico di dirigere i lavori al maestro italiano Aristotele Fioravanti con i suoi allievi, e ai maestri delle città di Pskov, Novgorod e Vladimir.Nel XIV secolo furono costruite le cattedrali dell'Assunzione, dell'Annunciazione e dell'Arcangelo che formarono la Piazza Sobornaia (delle Cattedrali) all'interno del Cremlino. L'insieme architettonico della piazza fu completato dal Campanile Ivan Velikij (Ivan il Grande) e dalla Granovitaia Palata; quest'ultimo serviva da sala principale del palazzo dei Grandi Principi. Nello stesso periodo furono costruite le mura di mattoni che sostituirono quelle in pietra bianca, ormai usurate. Il Cremlino assunse così il suo aspetto attuale.

Il triangolo irregolare delle mura della fortificazione ha una lunghezza totale di 2.235 metri con uno spessore che va da 3,5 a 6,5 metri e un'altezza altezza variabile da 5 a 19 metri.  Le mura sono rafforzate da 18 torri, mentre i merli con strettoie proteggono la piazzuola. All'epoca l'intero Cremlino era protetto da tutti i lati anche dai fiumi Moscova e Neglinnaia, e da un fossato largo 32 metri e profondo 12 dalla parte che dà attualmente sulla Piazza Rossa.  Ogni secolo lasciò nel Cremlino una propria impronta. Nel sec XVII, durante la guerra contro gli svedesi, le mura furono rafforzate con diversi bastioni e fossati e 40 anni dopo venne eretto un palazzo per l'imperatrice Elisaveta. Nel 1780 M. Kazakov costruì il bellissimo palazzo del Senato.

Dopo la guerra contro Napoleone del 1812 vennero costruiti il Grande palazzo del Cremlino e l'edificio dell'Armeria (Oruzeinaia palata). La Cattedrale dell'Assunzione sorge sul luogo dove sorgeva la prima chiesa in pietra di Mosca nel secolo XIV, che fu costruito a sua volta sui resti di due antichissime chiese precedenti: una in legno del XII secolo ed una in pietra del  XIII secolo. Per ben quattro secoli la cattedrale dell’Assunzione servì da chiesa maggiore di  Russia; vi si svolgevano le incoronazioni degli zar e venivano celebrate le cerimonie più solenni.

Tra i monumenti all'interno della cattedrale notevolissimo è  il trono del sec XVI che apparteneva al primo zar russo, Ivan il Terribile; si tratta di un esempio unico di incisione in legno a opera dei mastri russi, sormontato da una bellissima tenda anch'essa in legno. La Cattedrale dell'Assunzione (dell'Annunciazione), venne costruito nel 1489 a opera dei mastri russi di Pskov. Inizialmente si trattava di una piccola Chiesa a tre cupole e serviva come cappella familiare per la famiglia del Gran Principe di Mosca. Durante il principato di Ivan il Terribile (che poi come detto divenne il primo Zar di tutte le russie) furono aggiunte altre due cupole e quattro piccole cappelle, dopo di che il totale delle cupole venne portato a nove. Così la Cattedrale Blagovesenski (com'è chiamata in russo) si trasformò da una piccola e modesta chiesa familiare nel tempio principale della cristianità ortodossa russa.

Successivamente venne costruita la Cattedrale Arkhanghelski (dell'Arcangelo) dell'architetto italiano Alevisio Lamberti da Montagnano, noto in Russia come Aleviz Fryazin Noviy. La Cattedrale Arkhanghelski servì da cappella funeraria a principi e zar russi fino a Pietro IIn questa chiesa vennero celebrate le vittorie delle armate zariste. Ci sono 46 tombe con lapidi in pietra bianca rivestita di rame. Il sepolcro più antico appartiene al principe Ivan Kaità morto nel 1340, mentre gli altri sono dedicati a Dimitri del Don, Ivan III, Ivan IV il Terribile e ai suoi figli.  La cattedrale contiene bellissimi affreschi del XVI e XVII secolo,  prodotte tra gli alti da Joseph Vladimirov,  Yakov di Kazan e Stepan di Riazan. Qui si trova anche la tomba dello sfortunato imperatore Pietro II di Russia, l'unico monarca discendente da Pietro il Grande presente all'interno del Cremlino (e l'unico dei suoi discendenti con Ivan VI di Russia a non essere sepolto nella Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo a San Pietroburgo). Questa non fu una scelta sua, ma fu a Mosca che lo Colse la morte (morbillo), il giorno dopo il suo matrimonio.

La bella Piazza Sobornaia è dominata dal Campanile Ivan Veliki (Ivan il Grande) sul quale si può salire e ammirare una delle più belle vedute di Mosca che, nei giorni con meno foschia, si estende fino a 30 chilometri. Noterete una volta lassù, la grandezza delle campane, la più grande pesa oltre 65 tonnellate. Ai piedi del campanile di Ivan Veliki si trova a terra, in mostra, la più grande campana del mondo, la Zar-kolokol, la Campana dello Zar, che pesa 216 tonnellate, e che ha con un'altezza di 6,14 m e un diametro di 6,6 m. La campana dello zar, in bronzo, costruita da Ivan Motorin e del figlio Michail tra il 1733 e il 1735. in realtà non ha mai suonato: durante un incendio scoppiato nel 1737, un grosso pezzo, ancora visibile di lato, di 11,5 tonnellate si staccò prima di essere utilizzata. La campana e il pezzo staccato furono posti nello loro attuale sede nel 1836.

Da non perdere, durante la vostra visita al Cremlino di Mosca, il Museo dell'edificio dell'Armeria (Oruzeinaia Palata) che ospitò per lo più collezioni di armamenti russi e articoli di artigianato artistico raccolti per molti secoli. Come si evince dal nome, fino al XVIII secolo l'Armeria funzionò da azienda statale per la fabbricazione di armi, ma non solo. Qui venivano fabbricati anche diversi articoli in oro, argento e pietre preziose, per la famiglia reale l'aristocrazia russe. Dopo che la capitale russa venne spostata a San Pietroburgo, anche gli artigiani più importanti dell'armeria si trasferirono anch'essi. A questo punto l'Armeria venne trasformata in un museo la cui rassegna contiene attualmente oltre 4000 oggetti tra cui armi di diverse epoche, una bellissima collezione di articoli in oro ed argento, troni degli zar, abiti e carrozze.

Molto bello nella parte sud del Cremlino, il maestoso Grande palazzo del Cremlino di 25.000 m2, e una facciata lunga 125 metri. Il palazzo integra diverse costruzioni più antiche, il Palazzo dei Terem e nove chiese dei secoli XV-XVIII. Il secondo piano ospita imponenti stanze di gala dedicate agli ordini cavallereschi russi. Quello più importante è l'Ordine di San Giorgio) (Gheorghievski) e la sua sala è decorata con lastre di marmo sulle quali sono scolpiti i nomi di gloriosi reparti militari e dei cavalieri che di più si sono distinti nel corso della storia. Attualmente nella sala si svolgono i ricevimenti diplomatici e statali. 

Articoli più letti

Voli economici per la Russia seleziona il tuo aeroporto di partenza dall'Italia o dall'estero e scegli tra decine di compagnie, tra cui Ryanair, Easyjet e tante altre e vola con prezzi super convenienti. Risparmia fino al 50%...