La natura in Russia

Piante e vegetazione in Russia

Piante e vegetazione russaLa flora in Russia è molto variegate, soprattutto a causa del clima, del terreno e dell’approvvigionamento di acqua. Per esempio, nelle regioni montane ci sarà certamente una vegetazione differente dalle vaste lande pianeggianti. Le piante che si possono trovare nel territorio russo sono moltelplici e suddivisibili iin base a  diversi tipi di terriorio: deserto artico, tundra, taiga, foresta mista e decidua, steppa boscosa, steppa.

La tundra copre approssimativamente il 10% della Russia, ciò significa che questi territori paludosi non sono in grado di dare spazio a piante e alberi. Il terreno che si può trovare nella regione coperta da tundra è estremamente povero e le temperature che si raggiungono in quest’area causano la formazione di paludi; il terreno inoltre non riesce ad asciugarsi e fa sì che la poca vegetazione decada lentamente. Il suolo è congelato per la maggior parte dell’anno e il permafrost impedisce che si asciughi durante l’estate. La tundra artica è formata soprattutto da larici, abeti, arbusti, muschio, licheni.
 
Le più vaste aree naturali sono costituite dalla taiga e dalle zone popolate dalla foresta boreale. La taiga è situata nella regione occidentale e comprende fitte foreste in aree ricche d’umidità, dove si possono trovare pini, salici e ampi prati. Piccole parti di quest’area sono state dedicate all’agricoltura, ma la taiga è ancora la più vasta riserva di legname del mondo. Le foreste di conifere non sono delle distese continue, e sono spesso interrotte da betulle, salici e ontani. In queste aree che sono poco asciutte, si possono trovare paludi di torba e grandi zone alluvionate o paludose. La tipologia più comune di terreno è spesso molto acida e di colore chiaro. I materiali solubili che sono sedimentati nel suolo sono ricchi di ferro, così che il terreno è frammentato da profonde crepe che ne impediscono il drenaggio.

I boschi di latifoglie si trovano nelle regioni meridionali della Russia, dove si vivono condizioni climatiche più favorevoli. Qui si possono trovare aceri, pini, betulle, olmi, frassini e pioppi. Larga parte di questa zona è utilizzata per scopi agricoli, dato che i terreni qui sono meno acidi, a più alto contenuto organico e dotati della fertilità necessaria per la crescita delle piante. La zona di bosco misto che si trova nell’estremo oriente è la patria di olmi, noccioli, e varie specie di quercia asiatica.

La steppa boscova è parte di una zona di transizione tra le regioni delle foreste e della steppa propriamente detta. Qui l'area si alterna tra boschi di querce e zone adibite al pascolo. La steppa boscosa fluisce infine in steppa, che copre un'area di 300 chilometri: parte meridionale dell’Ucraina, delle zone settentrionali del Kazakhstan e verso i Monti Altai. Il terreno che si trova nella regione della steppa è chiamato “chernozem”, o terra nera, a causa del suo colore in superficie. Un alto contenuto di humus e livelli molto bassi di acidità fa sì che questo terreno sia estremamente fertile e, di conseguenza, altamente adatto alla coltivazione del grano.

Articoli più letti

Voli economici per la Russia seleziona il tuo aeroporto di partenza dall'Italia o dall'estero e scegli tra decine di compagnie, tra cui Ryanair, Easyjet e tante altre e vola con prezzi super convenienti. Risparmia fino al 50%...