Mosca

Piazza Rossa

Piazz rossa - Mosca La Piazza Rossa è una delle maggiori attrazioni di Mosca ed è fiancheggiata da alcuni dei monumenti più famosi al mondo. Contrariamente alle credenze popolari la Piazza Rossa ha preso il suo nome dalla parola russa “rosso” che un tempo significava “bella”, e non per motivi legati al comunismo o alle mura rosse del Cremlino. La Piazza Rossa è nata durante il regno di Ivan III, alla fine del XV secolo. Sorta ai piedi della Cattedrale della Trinità, prima prese il nome di Piazza della Trinità, e si crede che questo venne cambiato solo verso il XVII secolo. La Cattedrale di San Basilio è ora collocata nello stesso posto dove sorgeva una volta la Cattedrale della Trinità.

La Cattedrale di San Basilio è situata lunga la parte est delle mura del Cremlino, con le sue cupole brillanti a forma di cipolla. Intorno alla Piazza Rossa, si trova anche la Cattedrale dell’Annunciazione, il Museo Nazionale Russo, il centro commerciale GUM e la replica del 1990 del Ponte della Resurrezione. La Piazza Rossa può essere considerata un bel luogo d’incontro a Mosca. Qui le persone sono solite riunirsi per incontrare gli amici, ascoltare gli annunci pubblici del Governo, e celebrare le feste religiose. Durante il regno di Pietro il Grande e di Ivan Il Terribile era usata per le esecuzioni pubbliche, e sulla piattaforma soprannominata “Lobnoye Mesto”, lo zar, ogni tanto, saliva per parlare alla folla.

Quando Pietro il Grande trasferì la corte a San Pietroburgo nel 1712, la Piazza Rossa divenne meno vivace, poiché Mosca non era più la capitale. Subito dopo la rivoluzione del 1917,  il nuovo governo bolscevico, ristabilì la capitale a Mosca nel 1918 e fece della Piazza Rossa un posto per le sfilate ufficiali e un cimitero memoriale nazionale. Il Mausoleo di Lenin fu costruito nel 1924. Qui riposa il corpo imbalsamato di Vladimir Lenin, uno dei padri della Rivoluzione d'Ottobre. Il nuovo regime comunista si focalizzò sugli obiettivi (assolutamente da raggiungere) dell’Unione Sovietica e alle testimonianze dei suoi successi, senza lasciare spazio alle opere storiche e artistiche. Molte di queste infatti furono distrutte per fare spazio a una piazza capace di contenere una delle più grandi, se non la più grande, parata militare del mondo. Il Museo di Storia e lo storico GUM stavano per essere abbattuti, ma lo scoppio della II Guerra Mondiale salvò questi edifici poiché dopo il conflitto ci si concentrò sugli sforzi della ricostruzione. La Piazza Rossa ospitò moltissime parate militari, ma quella forse più significativa si tenne il 7 Novembre 1941. Le truppe naziste stavano avanzando verso Mosca mentre i soldati russi sfilavano in una parata simbolica che doveva dare una stimolo speciale a tutta la nazione e al contempo marciando verso il fronte per difendere la città. Questa azione sollevò gli animi del popolo russo e rinnovò la loro fiducia sulla guerra e sulle sue motivazioni. Una grande parata si ebbe nuovamente nel giugno 1945, ma questa volta per celebrare la vittoria sui nazisti. Diversi simboli tedeschi furono distrutti di fronte al Mausoleo di Lenin.

Articoli più letti

Voli economici per la Russia seleziona il tuo aeroporto di partenza dall'Italia o dall'estero e scegli tra decine di compagnie, tra cui Ryanair, Easyjet e tante altre e vola con prezzi super convenienti. Risparmia fino al 50%...